Chi non sogna di poter parlare in pubblico liberamente e senza ansia? Conoscere le tecniche fondamentali di questa vera e propria arte è di enorme importanza per chiunque si trovi a dover parlare di fronte ad un pubblico più o meno vasto.

Gestire l’ansia
Sarebbe un vero peccato che un buon oratore, una volta salito sul palco, perda il controllo delle proprie emozioni e vada in panico non appena vede il pubblico. Per gestire l’ansia sono utilissime alcune tecniche di rilassamento da praticare sia durante la giornata sia poco tempo prima di fare il proprio discorso. Respirare e inspirare profondamente può aiutare a controllare l’ansia che comunque, se ben gestita, è un ottimo alleato in questi casi.

Avere una scaletta
Non avrebbe senso fare un discorso tenendo gli occhi incollati ad un foglio tutto il tempo leggendo parola per parola. Quando si parla in pubblico bisogna avere semplicemente una scaletta da seguire in quanto guardando le persone negli occhi si dispone di un’arma potentissima. Il contatto visivo renderà l’oratore convincente oltre che amato. La regola fondamentale è evitare di parlare troppo velocemente con tono basso per non annoiare gli ascoltatori e non utilizzare troppi tecnicismi che la maggior parte del pubblico non capirebbe.

Usare supporti audio-video
Il pubblico starà più attento e sarà più felice se vede immagini, grafici, foto e video mentre l’oratore parla. In questo modo si stimoleranno tutti i canali rappresentazionali trasmettendo in modo efficace il proprio messaggio e aiutando gli ascoltatori a memorizzare per molto tempo ciò che hanno sentito e visto.

Muoversi
Ciò non significa saltellare qua e là ma muoversi in modo naturale senza rimanere immobile per tutta la durata dell’incontro. Le persone devono capire che chi parla è un essere umano e che si trova a proprio agio. E’ importante gesticolare, muoversi, girare tra il pubblico se possibile e guardare sempre tutti, focalizzandosi prima da una parte e poi dall’altra.

Raccontare aneddoti
Le persone amano ascoltare storie vere di gente come loro e capiscono meglio i concetti se vengono esposti sotto forma di aneddoti o storie divertenti. Un buon oratore deve avere sempre nel proprio repertorio qualche storiella simpatica anche per smorzare la tensione con una risata.

Copyright Aireo srl [riproduzione vietata]