Controllare la fame e la voglia di dolci? Con l’ipnosi si può!

Perché l’ipnosi?
Nessun miracolo e nessun percorso particolarmente facile, semplicemente presa di coscienza di sé, questo è ciò che permette l’ipnosi. Il cibo è spesso una sorta di compensazione ed assume il peso di una vera e propria dipendenza, come il tabagismo. Di conseguenza occorre molto autocontrollo per riuscire a smettere di ingerire cibo in enormi quantità, e soprattutto ipercalorico, per compensare magari le difficoltà di un periodo particolarmente stressante. L’ipnosi permette di indagare dentro di sé, nella parte inconscia, e trovare lo stimolo per iniziare ad avere un regime alimentare ed uno stile di vita salutari.Come funziona l’ipnosi per dimagrire
Spesso ad avere bisogno di cibo non è il corpo, ma il cervello e da lì che parte l’impulso e il desiderio di cibo, ecco perché l’ipnosi può aiutare a dimagrire.
L’ipnosi agisce direttamente sul cervello, e in particolare sul suo lato inconscio responsabile del desiderio di cibo e della incapacità di controllarsi, consente di conoscere gli inneschi mentali che portano al bisogno di cibo e di controllarli. Chi si sottopone ad ipnosi per dimagrire scopre il piacere legato ad uno stile di vita sano ed è indotto a cambiare le proprie abitudini e ad amarsi di più.
Per praticare l’ipnosi occorre affidarsi ad un terapeuta specializzato che aiuti il paziente a riscoprire le proprie risorse e il piacere di uno stile di vita sano.

I vantaggi dell’ipnosi per dimagrire
Ora molti si chiedono: perché mai dovrei sottopormi all’ipnosi per dimagrire e non semplicemente ad una dieta?
Uno dei classici effetti delle semplici diete ipocaloriche è che persi i chili indesiderati, si riprende lo stile di vita precedente e quindi c’è il classico effetto yo yo. L’ipnosi, invece, agendo direttamente sul cervello e portando a controllare l’impulso verso il cibo, consente di non riprendere i chili persi. Un altro vantaggio è rappresentato dal fatto che l’ipnosi permette di scoprire il piacere del cibo senza esagerare nelle quantità, non vi è una sofferenza del paziente, per questo motivo astenersi dagli eccessi non comporta particolari sofferenze o rinunce, si riscopre così il piacere della forma fisica.

 

Copyright Aireo srl [riproduzione vietata]